INCARICHI ATTUALI

Dal 23/4/2001 ad oggi Dirigente medico I livello ASLTO4 quale dipendente a tempo indeterminato presso Azienda Sanitaria Locale TO4

INCARICHI PRECENTI

Dal 18/8/2000 al 31/12/2000 assistente medico volontario presso la Divisione di Urologia dell’ASL6 Ciriè

14/4/2004 Incarico dirigenziale definitivo “attività territoriali”

Dal 26/1/2010 (votazione per il rinnovo del Consiglio dei Sanitari ASL TO4) rappresentante del Personale medico dei Presidi Ospedalieri al Consiglio dei Sanitari dell’ASLTO4 (deliberazione n. 167 del 4/2/2010)

19/5/2010 nominato rappresentante dei Dirigenti Medici al Comitato di Dipartimento dell’Area Chirurgica del presidio Ospedaliero di Ciriè

Dal giugno 2010 ad oggi Referente per le problematiche urologiche dell’età pediatrica per la SC Pediatria A e per i Pediatri del territorio dell’ASLTO4

16/9/2012 nominato Referente per Formazione del Dipartimento dell’Area Chirurgica A con il compito di coagulare tutte le esigenze formative delle varie componenti dipartimentali

Dal 1/1/2009 Incarico di posizione “Incarico Professionale” nell’ambito della SC Urologia A.

Periodi di tirocinio pre-Laurea: Medicina Interna Ospedale Mauriziano di Torino dal 28/10/91 al 8/1/1992;

Di Nefrologia dal 13/1/92 al 4/5/92 presso Ospedale San Giovanni Battista sede Molinette;

Patologia Urologica dall’ottobre 1992 all’ottobre 1995 presso Divisione Patologia Urologica presso l’Ospedale San Giovanni Battista sede Molinette.

10/4/1995 conseguita la LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA presso Università Studi Torino

Titolo Tesi: “La chemio-immunoprofilassi sequenziale con Mitomicina C ed Interferon nei carcinomi transizionali superficiali della vescica”. Voto 95/110 e tesi giudicata “Degna di Stampa”

Aprile 1995 (1° sessione) ABILITAZIONE MEDICA presso Università degli Studi di Torino

Dal 30/5/95 Iscritto all’Albo dei Medici Chirurghi di Torino

Dall’Ottobre 1995 all’Ottobre 2000 ho frequentato la SCUOLA di SPECIALIZZAZIONE IN UROLOGIA presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Torino (Direttore: Prof. Salvatore Rocca Rossetti)

Dal 29/12/1992 al 28/12/1993 ho effettuato il servizio militare presso l’Infermeria e il Gruppo Selettori Truppa del Distretto Militare Principale di Torino con l’incarico di A.SA (aiutante di sanità).

Dall’ottobre 1999 all’ottobre 2000 ho svolto attività ambulatoriale di prevenzione dei tumori dell’apparato urinario e degli organi genitali maschili presso l’Ambulatorio di Clinica Urologica dell’Università di Torino, nell’ambito dell’Associazione per la prevenzione dei tumori “Nuova Speranza”.

Dal 1° gennaio 2000 al 15 marzo 2000 ho frequentato la Divisione di Urologia Pediatrica dell’Ospedale Regina Margherita di Torino, diretta dal Prof. M. Bianchi, durante il quale ho partecipato all’attività di Reparto, di sala operatoria e di ambulatorio.

12/7/01 ho conseguito l’abilitazione a “medico prelevatore” presso Avis (Associazione Volontari Italiani Sangue) del Comune di Torino.

Durante la specializzazione presso il Reparto di Clinica Urologica (diretta dal Prof. Alessandro Tizzani) ho collaborato allo svolgimento dei seguenti protocolli di ricerca (trattamento e follow up dei pazienti in trattamento), nell’ambito della “European Organization for Research and Treatment of Cancer” (EORTC).

Aprile 2001: Vincitore di Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura in ruolo n.1 posto di Dirigente Medico ex 1° livello per l’UOA Urologia ASL 6 Ciriè (vincitore Punti 85.065). (Bollettino Ufficiale n. 19 del 9/5/2001)

Dal 2013 Incarico di docenza di Urologia presso la Scuola Superiore di Osteopatia Italiana - Università degli Studi di Torino – facoltà di Medicina e Chirurgia di Torino


ESPERIENZE SIGNIFICATIVE      

Buona esperienza nell’utilizzo di strumenti endoscopici urologici rigidi e semirigidi, flessibili e nell’uso di fonti di energia mono-bipolare, ultrasuoni e laser ad Olmio (interventi di endourologia)

Competenza in Chirurgia Oncologica Urologica e nella clinica e trattamento delle problematiche onco-urologiche

Componente del GIC (Gruppo Interdisciplinare Cure) per i tumori urologici dell’ASLTO4 nel contesto della Rete Oncologica del Piemonte/Valle d’Aosta

 
CASISTICA OPERATORIA

INTERVENTI CHIRURGICI in qualità di Primo Chirurgo: 1080 interventi chirurgici (casistica periodo gennaio 2009 - dicembre 2013) comprendenti:

- resezioni endoscopiche di neoplasie vescicali

- resezioni endoscopiche di ipertrofia prostatica benigna

- interventi di endourologia per calcolosi renale e ureterale

- prostectomie radicali con o senza linfoadenectomia pelvica

- cistectomie con derivazione esterna o con neovescica ortotopica

- interventi chirurgici open di tumori renali e reno-ureterali (nefrectomie radicali o parziali; nefroureterectomie)   

 

PUBBLICAZIONI    

Autore di almeno 40 pubblicazioni edite a stampa di argomento urologico o su Abstract-Book congressuali, di cui riporto quelle maggiormente degne di nota:

  1. L’immunoprofilassi dei carcinomi vescicali con BCG: due schemi posologici a confronto. Follow up a 4 anni. Urologia 1996:76-77.
  2. La vaporizzazione prostatica transuretrale (TUVaP): studio morfologico delle terminazioni nervose periprostatiche. Urologia, Abstract 1996: 173.
  3. La chemioprofilassi sequenziale con Mitomicina ed Interferon nei carcinomi vescicali superficiali. Acta Urologica Italica, Supplemento al Volume XI; 2; 1997:252.
  4. Transuretral electrovaporization of prostate: early and late complications. British Journal of Urology, Vol 80; suppl. 2; 1997: 200.
  5. Intravesical Chemoprophilaxys with MMC alone vs sequential MMC plus IFN alpha 2b. A randomized multicentric study with a 2 years follow up in 200 patients. British Journal of Urology, Vol 80; suppl. 2; 1997: 30.
  6. Bone alkaline phosphatases (B-ALP) in the diagnosis and follow up of prostate carcinoma metastases. British Journal of Urology, Vol 80; suppl. 2; 1997: 284
  7. Espressione c-erbB-2, p-53 e bcl-2 oncoproteine nel carcinoma di epitelio transizionale della vescica. Urologia; 1997:21.
  8. Vaporizzazione transuretrale della prostata (TUVaP): complicazioni e risultati a lungo termine. Valutazione immunoistochimica della sua efficacia. Acta Urologica Italica, Supplemento al Volume XII; 2; 1998: 217.
  9. I marcatori di osteosintesi e di osteolisi nella diagnosi di metastasi ossee da carcinoma prostatico. Confronto con il PSA. Acta Urologica Italica, Supplemento al Volume XII; 2; 1998: 217.
  10. Utility of the serum level of prostate specific antigen (PSA), bone alkaline phosphatase (BAP) and of the urinary level of pyridinium cross-links (dPy) in the staging of patients with prostate cancer. European Urology 1999; 35 (suppl. 2): 1-196.
  11. Il leiomioma della vescica. Descrizione di un caso e revisione della letteratura. Minerva Urol Nefrol, Vol 50; 1998: 1-6.
  12. Immunohistochemical evaluation of safety of transurethral electrovaporizaion of the prostate and its clinical results. Prostate Cancer and Prostatic Diseases 1999; 2: 16- 20.
  13. Bladder Pheocromocitoma: A 3 year follow up after transurethral resection (TURB). Urologia Internationalis 2000; 65: 176-178.
  14. Prostatectomia radicale di salvataggio. Archi It Urol Androl 2003; 75,3, suppl 2: 56.
  15. La prostatectomia radicale di salvataggio. Urologia. Vol. 70; N° 1-4, 2003: pag 85
  16. Prostatectomia radicale di salvataggio. Urologia. Vol 71; N° 2, 2004:pagg 175-177
  17. Trattamento di polipo fibro-epiteliale dell’uretere con Holmium:Yag Laser. Arch. Italiano di Urologia e Andrologia 2005; 77,3, suppl. 2: 51-52.
  18. Qualità di vita dopo prostatectomia radicale di salvataggio: nostra esperienza. Arch It Urol Androl Vol 80; 3,suppl 1, Sept 2008: 58-59.