Direttore S.C. di Gastroenterologia ASL TO4 (Presidio Ciriè-Lanzo, Ivrea-Cuorgnè, Chivasso)

Titoli di studio

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Pavia nel 1984 con votazione 110/110 e lode.

Specializzazione in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva presso l'Università degli Studi di Pavia nel 1992 con votazione 50/50.

Specializzazione in Malattie Infettive presso l'Università degli Studi di Pavia nel 1988 con votazione 50/50 e lode.

Professore a contratto presso l'Università degli Studi di Torino.

Esperienze professionali

Dal 1989 presso il Policlinico San Matteo di Pavia ha svolto attività di ricerca sugli aspetti endoscopici nei pazienti con infezione-malattia da Hiv

Dal 1990 al 1993 attività di consulenza di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva presso l’Ospedale Valdese di Torino.

Dal 1994 al 2004 Medico Ospedaliero, Dirigente di 1° livello, presso la Divisione di Gastroenterologia presso l'Ospedale Mauriziano di Torino.

Dal 2004 al 2008 Dirigente Medico di 1° livello presso il Servizio di Gastroenterologia dell'Istituto di Ricerca e Cura del Cancro di Candiolo;

Dal 2008 al 2016 oggi Dirigente Medico di 1° livello della S.C. di Gastroenterologia dell'Ospedale San Giovanni Bosco di Torino con attività clinica in campo Gastroenterologico:

  • attività endoscopica diagnostica compreso screening dei tumori del colon retto;
  • patologia da reflusso-gastro-esofageo;
  • prevenzione delle neoplasie del colon e dei tumori esofago-gastrici
  • terapia endoscopica delle patologie biliari e pancreatiche.

Ha partecipato a corsi, congressi, convegni e seminari naziionali e internazionali sull’infezione da Helicobacter pylori, screening dei tumori del colon, prevenzione dei tumori esofagei.

Autore di 53 pubblicazioni scientifiche edite a stampa su riviste gastroenterologiche nazionali e internazionali su temi di endoscopia operativa e di trattamento dell'infezione da helicobacter pylori..

Ha esperienza pluriennale nell'ambito della prevenzione delle neoplasie gastroenteriche, compreso lo screening dei tumori del colon-retto, dell'attività clinica gastroenterologica, dell'attività endoscopia diagnostica e operativa, inclusa la diagnosi e la terapia delle patologie bilio-pacreatiche, l'asportazione di lesioni neoplastiche superficiali con tecnica di dissezione sottomucosa (ESD), il trattamento dell'acalasia esofagea con l'innovativa tecnica endoscopica Poem (miotomia endoscopica transorale) e il trattamento delle emergenze endoscopiche».

Presente all'interno dei gruppi di studio della Rete oncologica del Piemonte e della Valle d'Aosta per i tumori di esofago, stomaco, vie biliari e pancreas e fa parte del gruppo valutatori della Società Scientifica Sied, che a livello nazionale certifica i Centri di endoscopia digestiva. Molto ampia è anche l'attività scientifica e di ricerca riguardante l'infezione da helicobacter pilori, lo screening dei tumori del colon, le tecniche di endoscopia biliare, gastro-duodenale e colica, la prevenzione dei tumori esofagei nell'esofago di Barrett e nei pazienti ad alto rischio di carcinoma squamoso.